/*fontawesome*/

Corporate internal investigations

6 Agosto 2022

231

Condividi

Corporate internal investigations: ovvero quando si esalta il ruolo e la funzione penalistica all’interno di un’azienda. Vediamo di cosa si tratta.

Corporate internal investigations: che cosa sono

Le internal investigations sono verifiche eseguite in ambito aziendale in tutte quelle situazioni in cui emergono “campanelli di allarme” in ordine alla possibile commissione di illeciti nell’interesse o a vantaggio della società.

Sono parte integrante di un efficace sistema di compliance (letteralmente “conformità” ovvero più precisamente “attenersi a certe regole ben definite, attenersi a certi principi”).

Sebbene non esista nel nostro ordinamento giuridico una disciplina specifica e organica delle corporate internal investigations, a livello nazionale possono rinvenirsi delle valide linee guida di riferimento nella disciplina delle indagini difensive contenuta nel codice di procedura penale agli art. 391 bis e ss.

Tale normativa codicistica può essere ben integrata dalle “Regole di comportamento del penalista nelle investigazioni difensive”, che completano il modello di condotta sotto un profilo deontologico.

Inoltre, gli standard internazionali ISO in ambito societario, anticorruzione completano il quadro, in aggiunta alle Raccomandazioni OCSE in tema di anticorruzione. 

Vuoi saperne di più? Contattaci!

Corporate internal investigation: quando si rende opportuna

Una verifica interna diventa opportuna a seguito di ispezioni di enti di vigilanza, o da segnalazioni da whistleblowing, dopo essere venuti a conoscenza di indagini da parte di autorità giudiziaria, in seguito a segnalazioni o rilievi di criticità da parte dell’Organismo di Vigilanza (O.d.V.), finanche da notizie di stampa.

Come già anticipato in altre circostanze, agli amministratori compete un vero e proprio dovere di dotare la società amministrata dei migliori strumenti di prevenzione e capacità di intervento.

Ne consegue che una internal investigation efficace, in caso di crisi, deve prevedere:

  1. che si abbia capacità di intervenire sulla situazione di crisi tempestivamente, sia a livello organizzativo interno e sia all’esterno con una efficace strategia di comunicazione;

Whistleblower

Con il termine whistleblower (letteralmente “denunciante”) si intende il dipendente pubblico che segnala illeciti di interesse generale e non di interesse individuale, di cui sia venuto a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro, in base a quanto previsto dall’art. 54 bis del d.lgs. n. 165/2001 così come modificato dalla legge 30 novembre 2017, n. 179.

Fonte

  1. che gli amministratori siano in grado di assolvere correttamente a tutti i doveri informativi e di intervento che gli competono nell’esercizio del loro mandato;
  2. che si identifichino le eventuali carenze del sistema di controllo interno e che si adottino le opportune azioni di miglioramento;
  3. che si affianchi da subito un professionista esperto al fine di impostare correttamente una opportuna strategia difensiva.

Conclusioni

Questi – in estrema sintesi – i tratti distintivi delle corporate internal investigations, un’attività che non deve ritenersi appannaggio solo di realtà aziendali strutturate e di grandi dimensioni ma di cui anzi ora più che mai anche le piccole realtà debbono sentire l’esigenza e porsi il problema. La tua azienda si è mai posta il problema di come reagire nei casi in cui si rende necessaria un’internal investigation? Si è mai trovata a doverne affrontare una? Se sì, come si è risolta? Parlacene nei commenti.

– Richiedi un appuntamento –

Lo studio seleziona attentamente la propria clientela e si riserva di valutare la richiesta pervenuta garantendo comunque una risposta tempestiva

Per consultare la Privacy Policy visitare questa pagina

=

Ti potrebbe interessare anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *